Non è solo questione di classe. Il «popolo» nel discorso del Partito comunista italiano (1921-1991) PDF

Warholgenova.it Non è solo questione di classe. Il «popolo» nel discorso del Partito comunista italiano (1921-1991) Image

DESCRIZIONE

Leggi il libro di Non è solo questione di classe. Il «popolo» nel discorso del Partito comunista italiano (1921-1991) direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Non è solo questione di classe. Il «popolo» nel discorso del Partito comunista italiano (1921-1991) in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su warholgenova.it.

Nel 1945 il PCI si presentava sulla scena pubblica con un nuovo volto. A cambiare non era soltanto la sua strategia politica, mutavano anche le sue parole. Lasciata in ombra la classe, categoria identitaria egemone sin dal 1921, nel fuoco della guerra civile "il popolo" aveva progressivamente guadagnato un posto di primo piano nella retorica del partito: nelle narrazioni della Resistenza, del partito nuovo e della democrazia progressiva. Nel corso della storia repubblicana, sul popolo il PCI avrebbe fondato la politica culturale, la via italiana al socialismo, l'interpretazione dei movimenti di liberazione nazionale; sul popolo avrebbe poi lanciato il compromesso storico. Il volume ricostruisce le modalità con cui il partito ha articolato la dialettica tra politica e popolo, riuscendo a veicolarne le istanze più eversive entro i canoni della democrazia rappresentativa.
ISBN
9788833131832
DIMENSIONE
9,75 MB
AUTORE
Giulia Bassi

Storia del PCI

Il libro di Giulia Bassi, Non è solo questione di classe, è un saggio interessante, documentato e originale. L'autrice, attualmente docente di Storia contemporanea all'Università di Parma e assegnista di ricerca presso l'Università del Piemonte Orientale, vi analizza il discorso del Partito comunista italiano, focalizzandosi in particolare sulla categoria di popolo.

Non è solo questione di classe. Il «popolo» nel discorso ...

A Fiume, nell'aprile 1919 l'irredentista fiumano Giovanni Host-Venturi e l'esponente nazionalista Giovanni Giuriati crearono una milizia di volontari filo-italiani per resistere in caso di annessione jugoslava della città.. Nel frattempo Gabriele D'Annunzio si era recato a Roma per tenere una serie di comizi in favore dell'italianità di Fiume. I discorsi di D'Annunzio coinvolsero un numero ...

LIBRI CORRELATI