Che ne dici di tornare a pensare. Come risvegliare il cervello nell'epoca dei social network PDF

Warholgenova.it Che ne dici di tornare a pensare. Come risvegliare il cervello nell'epoca dei social network Image

DESCRIZIONE

Siamo lieti di presentare il libro di Che ne dici di tornare a pensare. Come risvegliare il cervello nell'epoca dei social network, scritto da Gianluca Galotta. Scaricate il libro di Che ne dici di tornare a pensare. Come risvegliare il cervello nell'epoca dei social network in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su warholgenova.it.

Viviamo nell'epoca in cui trionfano la brevità e la concisione. I social network, gli stringati tempi della comunicazione televisiva, gli slogan pubblicitari, la frenesia delle nostre giornate: tutto ci porta nella direzione di condensare il più possibile il pensiero e di ridurre così radicalmente le nostre capacità argomentative e riflessive. Come fare, allora, per contrastare questo pericoloso cambiamento? Occorre esercitarsi. Partendo da brevi aforismi che spaziano dall'amore all'arte, dalla religione alla moda, dal senso della vita alla felicità anche il lettore è spronato ad avventurarsi in personali riflessioni e interpretazioni. Per ampliare ciò che è conciso e dare libero sfogo all'argomentazione. Per rovesciare la logica degli odierni modi del comunicare e tornare a pensare.
ISBN
9788869832529
DIMENSIONE
6,85 MB
AUTORE
Gianluca Galotta

A Isola del Gran Sasso Mielinfesta - L'Aquila

Come i social media ti cambiano il cervello Un terzo della popolazione mondiale condivide pezzi di vita su Facebook, Twitter, Instagram: quali conseguenze hanno il tempo speso online e le interazioni social sul nostro cervello e comportamento? Eccone 5 a cui non avresti pensato.

I miei argomenti - MSN

Se perdoniamo, alla fine facciamo innanzi tutto un favore a noi stessi. Insomma, si può dire che il perdono è una sorta di analgesico naturale, un rimedio auto-curativo che aiuta a star meglio e permette all'organismo di recuperare un sano equilibrio psicofisico. È questo solo uno dei tanti, ma forse uno dei più sorprendenti risultati del lavoro condotto dall'Unità operativa di psicologia ...

LIBRI CORRELATI